Anemia: sintomi, cause e prevenzione

Tra le patologie del sangue più diffuse c’è sicuramente l’anemia. Prima di capire quali siano i sintomi più comuni e le cause più frequenti, è importante capire bene che cos’è. Si parla di anemia quando nel nostro organismo compare una chiara insufficienza di globuli rossi rilevata quando il livello dell’emoglobina (sostanza ricca di ferro presente nei globuli rossi che ha il compito di trasportare e rilasciare l’ossigeno in tutto l’organismo) è al di sotto della norma. Il mancato trasporto di ossigeno nei tessuti e negli organi del corpo può provocare una costante sensazione di spossatezza. Per capire se si è anemici bisogna sottoporsi ad un emocromo completo e controllare sia il livello dell’emoglobina che quello dell’ ematocrito, necessario per conoscere il numero dei globuli rossi presenti in un campione di sangue.

ANEMIA SINTOMI

Prima di recarsi da un medico per un esame del sangue, scopriamo quali sono i sintomi più frequenti che colpiscono gli anemici:

  • stanchezza
  • debolezza
  • sbalzi d’umore
  • pelle molto pallida
  • battito cardiaco irregolare
  • forti mal di testa e capogiri
  • capelli e unghie deboli
  • poca capacità di concentrazione

ANEMIA CAUSE

Bisogna ricordare che esistono diversi tipi di anemia e che ognuno è generato da una causa diversa. Vediamo quali sono le cause più comuni:

  • Carenza di ferro o di vitamine. L’anemia da carenza di ferro è tra le forme più comuni e colpisce in particolar modo le donne durante il ciclo mestruale (perdendo sangue perdono anche ferro), i soggetti che seguono una dieta povera di ferro come i vegani e le persone che soffrono di problemi intestinali e che non riescono ad assorbire ferro. L’anemia da carenza di vitamine, invece, colpisce gli individui che seguono una dieta povera di vitamina B12, necessaria per la produzione di globuli rossi.
  • Malattie croniche acquisite come tumori, malattie intestinali, diabete, epatite C e HIV/AIDS. Questo tipo di anemia è chiamata anemia cronica.
  • Utilizzo di determinati farmaci. I farmaci chemioterapici, ad esempio, incidono sulla capacità del midollo osseo di produrre i globuli rossi. In questo caso si parla di anemia aplastica.
  • Emorragie. La perdita dei globuli rossi può essere causata anche da una emorragia interna come un’ulcera gastrica, o esterna come una semplice ferita.

PREVENZIONE

Dato che nella maggior parte dei casi l’anemia è dovuta ad una carenza di ferro o di vitamine, è importante prevenire tramite una dieta ricca di ferro (carni rosse, frutti di mare, legumi e verdure) e di vitamina B12 (pesce, cereali,formaggi e yogurt). Nel caso non si tratta di una lieve anemia ma di una forma più acuta è consigliabile recarsi dal proprio medico curante, il quale adopererà altri tipi di cura come le trasfusioni di sangue o gli integratori di ferro. L’anemia non curata può indebolire il nostro organismo ed avere effetti gravi. Perciò è importante non trascurarsi mai.

Per maggiori informazioni visita il sito www.anemiamediterranea.it.